logo

La giurisprudenza di Cassazione sulle sportive

Dalla lettura di due recenti sentenze della sezione quinta della Corte di Cassazione (sentenze n. 6934/2017 e n. 7629/2017), in materia di disciplina fiscale applicabile alle società e associazioni sportive dilettantistiche, emergono alcuni aspetti che meritano qualche considerazione aggiuntiva. Nella prima sentenza (Cassazione 6934/2017) la fattispecie concreta è molto diffus...

Brevi riflessioni sui corrispettivi specifici, a margine di CTP Padova 269/17

La gestione di una palestra, i cui servizi comportino il pagamento di canoni di abbonamento, sia pure in favore degli associati, configura attività di natura commerciale ai sensi dell’art. 2195 c.c. : lo afferma una recentissima pronuncia della CTP di Padova ( sentenza n. 269/17 del 7/3/2017). Il passaggio non è certo nuovo; si rinviene in maniera diffusa e ripetitiva in tanti avvis...

La detrazione dell’IVA per le associazioni sportive con riguardo all’aspetto fiscale e penale

In un momento storico in cui le buone notizie appaiono merce piuttosto rara, una certa soddisfazione, sia per le associazioni sportive, sia per gli operatori di diritto, arriva dalla posizione assunta dalla giurisprudenza tributaria di merito e penale relativamente alla legittimità della detrazione dell’IVA in ipotesi di omessa registrazione delle fatture passive. Infatti, è tutt’altr...

Consiglio di Stato: via libera ai massaggi shiatsu e tuina

Il Consiglio di Stato, con sentenza del 26 luglio 2016, ha interpretato alla lettera l’art. 1, comma 1, l. 4 gennaio 1990, n. 1, avente ad oggetto: “Disciplina dell’attività di estetista”, annullando l’ordinanza del Comune di Sanremo e al contempo sgombrando il campo da interpretazioni date in passato anche da altri comuni italiani. Il Consiglio di Stato, che ricordiamo essere il supremo organ...

Sentenza della Commissione Tributaria di Parma del 03/06/2016 n.442/1/16 in tema di applicazione del favor rei per violazioni inerenti alla tracciabilità delle movimentazioni finanziarie

Alla luce della novella di cui all’art. 19 D.lgs 158/2015 (revisione del sistema sanzionatorio) non è configurabile la decadenza dal regime di vantaggio di cui alla Lg, 398/91 nel caso di violazione da parte di un sodalizio sportivo dei soli obblighi di tracciabilità diversamente configurandosi una violazione al principio del favor rei. Applicazione della sola sanzione di cui all'art 11 D.lgs 472/97 ...

Commissione Tributaria Provinciale di Pesaro: Legge 398/91 – Limiti al principio di cassa – Illegittima parametrizzazione del tetto massimo dei proventi se non superati in corso d’anno

La Commissione Tributaria Provinciale di Pesaro ha emesso la sentenza n. 319 del 14/4/2016 che contiene due importanti principi sui quali ritengo utile soffermarmi. A seguito di un accesso esperito presso un ente associativo (in regime di Legge 398 fin dalla sua costituzione) era emerso che talune fatture per operazioni commerciali emesse nell'anno del controllo erano state riscosse in...

Nota a sentenza C.T.R. Veneto

Anche il fitness è attività sportiva dilettantistica se l’ASD rispetta lo statuto La convocazione delle assemblee per affissione, la scarsa partecipazione dei soci, la pratica del fitness non sono elementi idonei ad inficiare la natura associativa di un ASD regolarmente costituita e riconosciuta a fini sportivi ; pertanto l’Agenzia delle Entrate non può fondare la pretesa natura commerciale dell&r...