logo

Fondi Europei e Terzo Settore

intervento di Simone Boschi al convegno su I FONDI EUROPEI E IL RUOLO DEL COMMERCIALISTA organizzato dalla AIPE – Associazione Italiana Progettisti Europei. Sala Aldo Moro – Camera dei Deputati – Piazza di Montecitorio Roma, 24 Novembre 2016 Il fenomeno dell'affermazione e del riconoscimento di un'economia sociale in Italia sta crescendo a ritmi esponenziali, tanto che lo stesso Governo ha ritenuto non più rinviabile l&#...

La responsabilità civile di chi opera in nome e per conto delle A.S.D.

La questione della responsabilità civile di chi opera in nome e per conto delle associazioni sportive dilettantistiche è una questione da sempre aperta visti anche gli elevati numeri del movimento associazionistico sportivo nazionale. Dedicarsi a questo tipo di associazioni, visto che le stesse non hanno scopo di lucro, rappresenta una sorta di “volontariato sportivo” che sebbene fondam...

Dalla ASD alla SSD: evoluzione o ripiego? – Seconda parte

L’associato è colui che l’associazione accoglie (previa istruttoria della sua domanda di ammissione) a far parte del sodalizio senza particolari requisiti o formalità: è interesse dell’associazione allargare la base associativa poiché significa che i fini istituzionali vengono estesi e divulgati trovando condivisione; nel momento dell’accoglimento, l’associato diviene titolare dei diritti e doveri previsti...

La qualifica di associato e di tesserato nelle A.S.D.

L’acquisto della qualifica di associato può essere simultaneo alla costituzione dell’associazione, ma può essere altresì successivo ad essa; ed è proprio questa modalità di adesioni successive o, dal punto di vista dell’associazione, di successiva ammissione di altri associati, che il contratto di associazione si colloca nella vasta categoria dei contratti aperti. La caratteristica fondamentale dell’e...

Un’Associazione Sportiva Dilettantistica, successivamente ad un controllo fiscale, si vede recapitare un avviso di accertamento: cosa fare?

La Redazione di FiscoCsen, cui collaboro, mi ha chiesto di scrivere un articolo dal taglio pratico su cosa fare dopo che ad una Associazione Sportiva è stato notificato un avviso di accertamento dall’Agenzia delle Entrate. Provenendo dall’Amministrazione Finanziaria (Ministero delle Finanze – Direzione Centrale Accertamento), ho colto la sfida e cioè evitare di scrivere un articolo incent...

Dalla A.S.D. alla S.S.D.: evoluzione o ripiego? – Prima parte

Esistono contesti in cui l'esercizio sportivo dilettantistico richiede un'organizzazione gestionale e degli investimenti economici tali da determinare la necessità di superare il tradizionale modello associativo (l'associazione è infatti normalmente gestita secondo i principi di “condivisione” e “autoconsumo”, non sempre - e comunque non necessariamente - rintracciabili nel modello societario). In tali ambiti è spesso individuabile un investi...

La rendicontazione delle risorse finanziarie

PREMESSA Affinché le associazioni/società sportive dilettantistiche possano avvalersi della decomercializzazione dei cosiddetti corrispettivi specifici di cui al comma 3 dell’art 148 del TUIR, il successivo comma 8 del medesimo articolo impone, tra l’altro, a tutti i sodalizi, di inserire nei propri statuti l’obbligo di redigere annualmente un rendiconto economico finanziario, documento c...

False comunicazioni agli associati

Quando il diritto penale societario entra in associazione Come molti di voi sapranno il mondo dell’associazionismo si regge su molteplici pilastri. Alcuni di essi si occupano della gestione fiscale e contabile del sodalizio (vedi normativa tributaria in generale ed art. 148 Tuir e Art 90 in particolare), altri indicano i presupposti di base dei sodalizi (carta Costituzione e...

Recesso ed esclusione di un associato

Prima di affrontare le tematiche di questo articolo, accenno brevemente come può nascere il vincolo associativo e quali siano le regole generali. Il rapporto associativo nasce o dalla partecipazione all’atto costitutivo dell’associazione (tali partecipanti divengono i soci fondatori) o dall’adesione successiva ad un ente già costituito. La posizione di associato è una situazione giuridica co...

Modalità di determinazione del limite dei 250.000 Euro

Introduzione Ai fini dell’applicazione del regime forfetario di cui alla Legge 398/91 è necessaria, in capo ai soggetti beneficiari, la contemporanea sussistenza di determinati requisiti soggettivi (forma giuridica di associazione o società sportiva, svolgimento di attività dilettantistica riconosciuta dal CONI, affiliazione a Federazioni sportive nazionali o ad Enti di promozione s...

Il ruolo della consulenza agli enti sportivi dilettantistici: il passaggio dall’ottica del vincolo a quella dell’opportunità - Seconda parte

IL ‘PROGETTO NASSA’ 1. Premessa e cenni metodologici L’obiettivo è quello di fornire, partendo da una visuale di osservazione differente di un fenomeno conosciuto (quello della gestione di un’ASD), un’ipotesi di schema gestionale innovativo, da un lato, al management sportivo chiamato ad operare scelte quotidiane e rischiose e, dall’altro, ai Colleghi che affiancano questi dirigenti nelle loro scelte. ...

Tracciabilità movimentazioni finanziarie. Favor rei sì o no?

Perplessità dopo una recente sentenza della Cassazione D.Lgs 472/1997 art. 3 – Principio di legalità Nessuno può essere assoggettato a sanzioni se non in forza di una legge entrata in vigore prima della commissione della violazione. Salvo diversa previsione di legge, nessuno può essere assoggettato a sanzioni per un fatto che, secondo una legge posteriore, non costituisce violazion...

La Responsabilità Civile dei Presidenti di una A.S.D.

La responsabilità delle ASD Come per qualsiasi altro soggetto giuridico, anche la vita di un’associazione sportiva dilettantistica è composta di innumerevoli rapporti con terzi e, costantemente, contrae con questi una quantità di contratti che sono fonte di obbligazioni di varia natura. Trattandosi di una forma associativa, si po...

Tracciabilità delle movimentazioni finanziarie e favor rei

NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 133/1999 art. 25 comma 5 – decorrenza 1° gennaio 2000 “i pagamenti a favore di società, enti e associazioni sportive dilettantistiche di cui al presente articolo e i versamenti da questi effettuati sono eseguiti, se di importo superiore a lire 1.000.000 (€ 516,46), tramite conti correnti bancari o postali a loro intestati ovvero secondo modalità idonee a consentire all...

Le diverse tipologie di contributi pubblici erogati alle associazioni sportive dilettantistiche

I contributi erogati dagli enti pubblici, oltre a rappresentare una fondamentale fonte di approvvigionamento per i sodalizi sportivi, sono oggetto di un differente trattamento fiscale a seconda che si tratti di: Contributi a fondo perduto per lo svolgimento di attività istituzionale; Contributi corrispettivi; Contributi a fondo perduto per l’esercizio di attività commerciali...

Avviso di accertamento emesso in assenza di processo verbale di constatazione nei controlli da invito

Illegittimità dell’accertamento e violazione del principio del contraddittorio e del diritto di difesa del contribuente (artt. 24 e 97 Cost.) Si tratta di un caso concreto che si verifica non di rado: un’Associazione Sportiva Dilettantistica, dopo aver consegnato, su invito dell’Ufficio, la documentazione contabile, per un anno di imposta,  si è vista notificare l’avviso di accertamento. L’avviso ...

Chiarimenti dell’INPS sul lavoro accessorio

Nel Messaggio n. 8628 del 2 febbraio 2016, l’INPS è intervenuto per chiarire cosa si debba intendere con l’espressione di “imprenditore commerciale”, specificando alcune categorie di soggetti committenti che non rientrano in tale definizione. Nello specifico, l’INPS, riprendendo la Circolare del Ministero del Lavoro n. 18/2012, ha precisato che “l’espressione imprenditori risulta comprensiva di tutte ...

Il ruolo della consulenza agli enti sportivi dilettantistici: il passaggio dall’ottica del vincolo a quella dell’opportunità - Prima parte

PARTE I LE PREMESSE 1. Qual è l’obiettivo? L’obiettivo è quello di uniformare, a livello nazionale, le conoscenze e la proposizione di soluzioni ed interpretazioni, in modo da rendere omogenea l’assistenza istituzionale che i Colleghi potranno fornire sia ai propri Clienti, sia nei confronti dei Comitati territoriali del C.S.E.N. Ma, aggiungerei, anche nei rapporti con gli Organ...